L’avvento della crisi e l’aumento dei prezzi dei combustibili fossili hanno nuovamente riacceso l’interesse verso quelle che sono considerate appartenenti alla categoria dei bio-combustibili quali ad esempio la legna da ardere.

Questa sin dall’antichità ha rappresentato una fonte inesauribile di energia e di calore utilizzata soprattutto per la sua facile reperibilità e per la sua estrema versatilità.

Molte persone inizia la ricerca dai grossisti di legna nei periodi di alta stagione nei mesi di Ottobre e Novembre quando la richiesta è più alta così come lo sono i prezzi.

Prenotando in tempo la legna nei periodi di bassa stagione (da Gennaio ad Aprile) si possono risparmiare molti euro nell’acquisto.

Stufe e camini sono nuovamente ritornati di moda agevolando l’incremento dell’importazione di legna del 25% in tutto l’arco del 2013, dati notevolmente aumentati rispetto all’anno precedente. Continua a leggere